Lo Xiaomi Mi Band 2 è una versione aggiornata di uno dei più popolari braccialetti per il fitness in commercio, già apprezzato per le sue buone prestazioni e il costo estremamente contenuto. L’activity tracker è dotato di sensore HR per la misurazione della frequenza cardiaca, funge da contapassi, monitora il sonno e – per la prima volta – monta di serie un display OLED, per essere utilizzato come un orologio e ricevere notifiche da smartphone.

Activity Tracker Xiaomi Mi Band 2

Il Nostro Voto

Dove Acquistarlo al Miglior Prezzo?

 

Video Xiaomi Mi Band 2

Recensione Completa Xiaomi Mi Band 2

Lo Xiaomi Mi Band 2 si inserisce nel solco della tradizione della compagnia cinese, nota per i suoi dispositivi dai prezzi super economici.

Come per le precedenti versioni del device, siamo in presenza di uno smartband per l’activity tracking di base, dotato di accelerometro ed in grado di contare i passi, le calorie bruciate e le distanze percorse.

Lo Xiaomi Mi Band 2 monitora anche il sonno e tramite app Mi Fit per smartphone fornisce una pratica analisi riepilogativa del livello di fitness di chi lo indossa, riconoscendo anche tra tipi di attività diversa come corsa o allenamento in palestra.

Particolarmente rilevanti le novità hardware introdotte in questo modello, reso ancora più appetibile dall’integrazione di un sensore HR per il monitoraggio della frequenza cardiaca e di un display OLED da orologio, per la consultazione dei dati direttamente su dispositivo e la ricezione – tramite connessione Bluetooth – delle notifiche da telefono.

Lo Xiaomi Mi Band 2 è realizzato in materiali resistenti all’acqua, dotato di una batteria di lunga durata e abbastanza comodo e leggero da essere indossato senza problemi nella vita di tutti i giorni, come ogni activity tracker che si rispetti.

Design e Materiali

Xiaomi Mi Band 2 ConfezioneLo Xiaomi Mi Band 2 appare subito per ciò che è: uno smartband economico e prodotto in massa. Il design è gradevole ma giocattoloso, sia per i colori accesi in cui sono disponibili i cinturini alternativi, sia per la consistenza dei materiali.

L’intero device è costruito in alluminio e plastica (il modulo centrale Mi Core) ed elastomero termoplastico per la banda da polso. Il corpo principale misura 40.3 x 15.7 x 10.5 mm, mentre il cinturino regolabile ha una lunghezza complessiva di 235 mm. Modulo e cinturino hanno un peso ridottissimo: insieme non superano i 18 grammi.

Come da tradizione, il cuore del dispositivo può essere rimosso e inserito con facilità nelle bande acquistabili a parte. Il modello base è in nero, ma Xiaomi ne ha realizzate anche in blu, verde e arancione, a cui si aggiunge una già lunga lista di varianti proposte da terze parti, come succede normalmente per le custodie per smartphone.

La certificazione IP67 consente brevi esposizioni all’acqua dolce e l’uso in doccia ed il cinturino ipoallergenico è realizzato in materiale anti-sudorazione.

Non altrettanto resistente è il display OLED da mezzo pollice. Su carta dovrebbe essere anti-graffio e a prova di impronta, ma nella realtà si è dimostrato – al contrario – fin troppo facile da graffiare. Chi ama che i propri gadget sembrino sempre appena usciti di fabbrica farà bene ad investire in un kit di pellicole protettive.

Lo schermo è anche poco nitido ma all’altezza della manciata di dati che ci troveremo a consultare su di esso, vale a dire ora, calorie, frequenza cardiaca e passi. Per la misurazione delle distanze ed altre informazioni più avanzate dovremo infatti affidarci allo smartphone e alle configurazioni tramite app.

Il display non ha interfaccia touch ed è controllato da un unico “pulsante”, una piccola superficie a disco posta sotto di esso, sensibile al tocco. L’accelerometro permette un minimo riconoscimento del movimento dell’utente. Avvicinando il polso, il device riattiverà il display pensando che lo si voglia consultare per vedere l’ora o accedere alle altre schermate.

Nel modulo centrale trovano posto anche la batteria ricaricabile al litio da 70 mAh ed il sensore ottico HR, incorporato nel retro della cassa, a contatto con il polso.

Caratteristiche e Funzionalità

Xiaomi Mi Band 2 UtilizzoLe features dello Xiaomi Mi Band 2 sono riassunte nelle sue tre schermate base: una per l’ora, una per i passi e l’ultima per la frequenza cardiaca, con l’opzione di aggiungerne altre per l’indicatore di batteria e le distanze.

La dotazione di sensore cardio è tra i fattori di maggior richiamo per questo device e Xiaomi afferma di aver perfezionato sia l’affidabilità dell’hardware, superiore a quelli installato nella Mi Band Pulse, che quella dell’app Mi Fit, compatibile con Android (dal 4.4 in su) e iOS (dal 7.0).

Oggetto di revisione è stato anche l’algoritmo per la misurazione dei passi, accoppiato all’accelerometro ed ottimizzato per un accurato calcolo degli spostamenti, ma con un impiego intelligente del sensore, per risparmiare batteria.

L’altra caratteristica inedita per la linea Mi Band è il display OLED, anch’esso progettato per sottoporre al minor stress possibile l’alimentazione al litio. Pur non trattandosi di un touchscreen, l’interfaccia è molto chiara e di facile accessibilità, grazie al pulsante piatto touch-sensitive usato per navigare tra le schermate.

L’app Mi Fit, lo dicevamo, è stata aggiornata per l’occasione ed ora raccoglie i dati in modo più organizzato, riassumendo passi, calorie, distanze percorse, temperatura corporea, peso e fasi del sonno. Lo Xiaomi Miband 2 è infatti provvisto di monitoraggio automatico del sonno e vibrazione, utilizzabile sia come sveglia che come alert silenzioso per le notifiche da smartphone, mostrate sinteticamente su display e consultabili per esteso solo su telefono.

Le funzionalità accessibili tramite app non si esauriscono qui e prevedono l’analisi dei parametri su base giornaliera, settimanale e mensile, condivisibili con altri utenti Xiaomi sui circuiti social.

Anche se decideremo di non postare i nostri progressi personali, l’app ci comunicherà comunque, con un valore percentuale, dove ci collochiamo rispetto alla media giornaliera degli altri. Ad esempio sapremo che il totale dei nostri passi è superiore a quello del 70% della “concorrenza”, o che le nostre ore di sonno superano quelle del 40% degli altri possessori della smartband e così via.

Contribuiscono agli incentivi motivazionali anche gli obiettivi personali settabili in-app (per ora relativi solo al contapassi) e gli alert da inattività. Ad intervalli regolari lo Xiaomi Mi Band 2 ci ricorderà di dedicare una breve parentesi, dalla durata regolabile sempre con app, all’attività fisica, per tenerci in forma.

Il comportamento della batteria dipenderà ovviamente dall’uso che faremo del device. Il costruttore promette almeno 20 giorni pieni di autonomia, ma il dato non è confermato né dalle nostre prove né da quelle fatte da altri recensori. Una stima più realistica si avvicina ai 12 giorni, con sensore cardio attivo, ricezione di notifiche e vibrazioni frequenti.

Un risultato inferiore a quello del precedente Mi Band, che però era privo di display.

Funzioni di Activity Tracking

Xiaomi Mi Band 2 SmartphoneL’app Mi Fit è stata arricchita con menu più completi per l’analisi dei dati forniti dallo Xiaomi Mi Band 2. Idealmente, la voce “Statistiche” dovrebbe ricomprendere le attività praticate (distinguendo tra corsa e allenamento generico), mostrare uno storico dello sviluppo del nostro livello di fitness ed aiutarci a pianificare la prossima mossa.

Nei fatti, l’app di Xiaomi non è ancora all’altezza di altre piattaforme dedicate e mostra dei limiti anche nell’activity tracking quotidiano.

Un aspetto ancora da raffinare è quello del riconoscimento automatico delle attività. Il sensore fatica in alcuni casi a differenziare tra corsa e allenamento e talvolta interpreta i movimenti del polso come indicatore di uno spostamento fisico anche quando non ci siamo mossi.

Il monitoraggio delle calorie c’è, ma non ai livelli di altri device paragonabili per fascia, come il Fitbit Alta, che tiene conto anche delle calorie bruciate al di fuori delle sessioni di attività fisica vera e propria.

Sorvoliamo sulla mancanza di un GPS, che avrebbe fatto lievitare il prezzo annullando la ragion d’essere di Xiaomi Mi Band 2 come smartband low-cost, mentre non altrettanto scusiamo la dubbia implementazione del sensore cardio.

La frequenza cardiaca non è infatti monitorata 24/7, ma scatta solo in particolari occorrenze e quando appositamente richiesta con un tap del dischetto sotto il display, impedendo agli utenti più interessati alle performance sportive di designare delle zone cardio e rispettarle in fase di allenamento.

Il tutto è aggravato dall’assenza – nell’app – di un contesto in cui inserire i dati cardio, presentati come una semplice lista di letture, con sintetiche etichette (battito lento, normale o veloce) e qualche consiglio su come “allenare” la nostra frequenza cardiaca.

Attenzione poi al posizionamento della smartband al polso, perché il sensore ottico, per funzionare adeguatamente, dovrà essere molto bene aderente e protetto da possibili infiltrazioni di luce esterne.

Rispettate queste condizioni, il monitoraggio HR funziona abbastanza bene (soprattutto sui brevi percorsi) ed anche la stima delle distanze estrapolata dai passi è vicina a quella di dispositivi meno economici.

Monitoraggio del Sonno

Lo Xiaomi Mi Band 2 monitora il sonno in automatico. L’accelerometro riconosce da solo l’inizio e la fine del sonno notturno e tiene sotto controllo la frequenza cardiaca a riposo ogni dieci minuti, a patto che questa funzionalità accessoria sia stata attivata nell’app Mi Fit.

Sempre all’app dovremo fare riferimento per la consultazione dei risultati, disponibili a partire dalla mattina seguente. Sapremo non solo quanto abbiamo dormito, ma anche quante ore sono state contraddistinte da un sonno profondo e ristoratore e quante invece hanno fatto registrare un riposo più leggero.

Mi Fit consente l’attivazione di sveglie multiple tramite vibrazione e ricapitola i dati in appositi grafici, per consentire a chiunque di cogliere al volo le proprie abitudini in fatto di sonno e modificarle per adottare uno stile di vita più sano.

Notifiche

L’inedita integrazione di un display OLED permette finalmente allo Xiaomi Band 2 di andare oltre le brevi segnalazioni al LED delle precedenti smartband, ma siamo ancora lontani da un supporto avanzato per le smart notification.

L’arrivo di telefonate, SMS e-mail e aggiornamenti push è accompagnato da un alert a vibrazione e dalla comparsa sullo schermo di una icona (differente per ogni tipo di notifica), mentre lo smartphone rimane indispensabile sia per la consultazione che per l’invio di una eventuale risposta.

 

 

Scheda Tecnica

  • Peso: 7 grammi
  • Display: 0,42 pollici, con vetro resistente ai graffi e rivestimento anti-impronte
  • Certificazione: IP67, resistente all’acqua
  • Sensori: battito cardiaco, contapassi, sonno
  • Connettività: Bluetooth 4.0 LE
  • Batteria: 70 mAh

 

Vantaggi e Svantaggi

vantaggi

Vantaggi

  • Buona autonomia
  • Dotato di display
  • Sensore HR
  • Molto economico

svantaggi

Svantaggi

  • App migliorabile
  • Monitoraggio cardio non continuo
  • Riconoscimento attività impreciso

 

Le Nostre Opinioni

La qualità di un prodotto è spesso inversamente proporzionale al suo prezzo e questa piccola regola aurea non potrebbe essere più vera per lo Xiaomi Mi Band 2, per cui il costruttore ha stabilito un prezzo lancio di soli 20 €.

Il device è arrivato da poco sul mercato e la distribuzione al di fuori della Cina è stata inferiore alla domanda, tanto da far levitare il valore del device fino ai 50€ sui circuiti per l’on-line shopping più mainstream, come Amazon.

Sapendo dove cercare lo potrete trovare in un più accettabile range tra i 25 e i 35€, mentre per i più pazienti avvertiamo che nel periodo estivo, Xiaomi raddoppierà la produzione per “inondare” il mercato europeo a partire dall’ottobre prossimo, nella speranza di bissare il successo del primo Mi Band, venduto in milioni e milioni di esemplari.

Che aspettiate o meno, l’importante è che il vostro sia un acquisto consapevole. Lo Xiaomi Mi Band 2 è un dispositivo consigliato se volete un braccialetto che vi avvisi degli aggiornamenti da smartphone, conti i passi quando vi spostate in città e tenga conto di come dormite.

Andate oltre queste funzionalità di base e scoprirete probabilmente di essere pronti per il salto verso qualcosa di più evoluto e sofisticato.

 

Voti Finali

  • Design - 7.4/10
    7.4/10
  • Materiali - 7.1/10
    7.1/10
  • Rilevazione - 7.3/10
    7.3/10
  • Qualità / Prezzo - 8.1/10
    8.1/10

Voto Totale

7.5/10

 

 

Share Button

Visualizza le altre Recensioni della stessa categoria