Lo Xiaomi Mi Band 1s è la seconda versione del fitness band low cost più famoso in assoluto. Questa versione finalmente introduce anche un rilevatore di battiti cardiaci, importante introduzione che riporta questo activity tracker al passo con i tempi.

Activity Tracker Xiaomi Mi Band 1s

Il Nostro Voto

Dove Acquistarlo al Miglior Prezzo?

 

Recensione Completa Xiaomi Mi Band 1s

Lo Xiaomi Mi Band 1S è la versione migliorata del primo fitness band dell’azienda cinese conosciuta ai geek per i suoi prodotti tecnologici a basso costo.

In ogni caso, il prodotto si rivela di buona qualità e fa il suo dovere su più fronti: Il fitness band Xiaomi Mi Band 1S è infatti in grado di contare i passi, tenere traccia delle calorie bruciate e della distanza percorsa, rilevare le fasi del sonno e per ultimo, di misurare la frequenza cardiaca (finalmente).

Ovviamente non possiamo aspettarci precisione e accuratezza, visto che nemmeno i modelli più blasonati sono in grado di garantirle, comunque sia rimane un gadget simpatico ma soprattutto low cost.

Design e Materiali

Xiaomi Mi Band S1 ConfezioneAnche questo fitness band arriva in una semplice scatola di cartoncino che Xiaomi ha personalizzato con dei comparti per l’alloggiamento del caricabatterie, del breve manualetto d’uso e della garanzia standard di 2 anni (solo se acquistato da rivenditori italiani).

Purtroppo l’uscita del caricabatterie non è la stessa di Xiaomi Mi Band 1, l’alloggiamento si distingue per la medesima semplicità ma la ricarica differisce per i tempi ridotti (40 minuti al massimo contro 1 ora e mezza).

Il design e i materiali utilizzati per realizzare lo Xiaomi Mi Band 2  sono gli stessi dell’antecedente modello: ovvero metallo satinato, e dunque anti-impronta, per il corpo principale, che s’incassa al cinturino in silicone morbido, regolabile, per poi chiudersi al polso con un bottone automatico in metallo anallergico.

La fascia è disponibile in 6 colori diversi tra cui il nero nonché in opzioni più sofisticate come i cinturini in pelle.

La sua linea, semplice ed essenziale, si abbina dunque ad un peso ridottissimo, forme e dimensioni che non infastidiscono al polso.

Volendo, esistono accessori per poter indossare l’HR Monitor al collo, ma in ogni caso anche quando fa caldo, l’emissione di sudore è davvero contenuta, per quanto nella precedente versione di Xiaomi Mi Band, alcuni utenti hanno riscontrato problemi di scolorimento del silicone.

Il nuovo braccialetto intelligente mantiene la certificazione IP67 che aveva caratterizzato i device antesignani: siccome può essere immerso fino ad 1 metro, si può continuare ad indossarlo anche sotto la doccia, resiste dunque all’acqua di pioggia e neve ma non di mare o piscina; inoltre sopporta terra, sporco e polvere.

Caratteristiche e Funzionalità

Xiaomi Mi Band S1 EsplosoLa capsula leggera di Xiaomi Mi Band 1S racchiude contapassi, accelerometro e cardiofrequenzimetro, è dunque uno sports band in piena regola che aiuta l’utente a rimanere in forma, per quanto, come il modello precedente, non sia utilizzabile in collaborazione con altre note app per la corsa ma in compenso è sincronizzabile con Salute, l’applicazione di iOS che si occupa di cura e benessere della persona.

Attraverso la Mi Fit, ovvero il programma gratuito di Xiaomi per smartphone e tablet Android ed Apple , il fitness band permette di tenere una traccia dei passi effettuati durante la giornata che della corsa, con il plus della frequenza cardiaca, che però purtroppo non è poi il massimo, perché per adesso fornisce la misurazione solo quando richiesto dall’utente tramite l’app. 

Le cose comunque potrebbero cambiare con gli aggiornamenti futuri, anche perché sul sito della Xiaomi è pubblicizzata la caratteristica di poter misurare il battito in ogni momento, quindi rimaniamo fiduciosi che possano integrare altre funzionalità che sfruttino meglio il cardio frequenzimetro.

Xiaomi Mi Band S1 DettaglioA nostro parere, si avverte la mancanza di uno schermo che permetta di illustrare il raggiungimento degli obiettivi e delle notifiche in maniera chiara ed evidente, per quanto Xiaomi sia riuscita a trovare un escamotage molto semplice ma piuttosto confusionario, che permetta di tenere traccia di entrambe le funzionalità.

Piegando il braccio di 90 gradi con un movimento fulmineo infatti, le mini luci s’illumineranno: una sola o due a seconda del goal settato; quando l’obiettivo della giornata verrà raggiunto, tutte e tre le luci si accenderanno e l’activity tracker prenderà a vibrare, ma non con la stessa intensità concessa a Xiaomi Mi Band 1.

Discorso simile se sul cellulare è arrivata una notifica: come il primo modello avvisa se sul dispositivo mobile è arrivata una telefonata o un SMS.

Effettuare il pairing dello smart band non è sempre immediato, bisogna infatti innanzitutto scaricare la app, creare un account (a cui è possibile associare un avatar) e avviare il Bluetooth; il collegamento si completa facendo tapping sul dispositivo, un’azione sulla quale a volte è necessario insistere senza perdersi d’animo.

Xiaomi Mi Band S1 SleepUna volta entrati nelle impostazioni (‘Settings’), a cui si accede cliccando sull’icona dei tre puntini posta in alto a destra, si potrà decidere quale obiettivo porre al contapassi, inserire il proprio peso attraverso il synch con la app Salute, passare alla modalità corsa e configurare la sveglia silenziosa disponibile anche in versione ‘Early Bird’ ovvero dolce e progressiva, che inizia a vibrare dolcemente in base all’orario prescelto e continua fino a quando non si avrà poggiato il piede fuori dal letto.

L’applicazione Mi Fit è divisa in area giorno e notte: la prima permette di avere una vista esplicita e comprensibile di tutte le fasi della giornata in cui si è rimasti in attività, con l’indicazione per fascia oraria delle calorie bruciate e dei chilometri approssimativi percorsi; premendo sul simbolo posto in alto a sinistra, Xiaomi Mi Band 1S mostra la vista a istogrammi delle prestazioni registrate nei giorni precedenti, cliccando poi sul simbolo – (meno), si possono visualizzare anche quelle relative alle settimane prima.

La seconda sezione, a cui si passa dalla schermata principale cliccando sull’icona della luna posta in basso, illustra le fasi del sonno R.E.M e non-R.E.M., indicando in maniera relativamente accurata il momento in cui ci si è addormentati e quello in cui ci si è alzati.

Per conoscere le proprie pulsazioni, ancora non del tutto precise, è necessario scaricare l’applicazione in versione beta, al momento disponibile solo per gli user Android. Una volta ottenuta, basterà avviare la funzione corrispondente ‘Pulse’ per avere una misurazione in tempo reale.

Per una misurazione il più corretta possibile è consigliato piegare il braccio in posizione orizzontale a livello del torace, premere il sensore sulla pelle e attendere qualche secondo, come indicato a schermo dal software.

Xiaomi Mi Band S1 AppIl risultato viene mostrato tramite una lista di statistiche molto essenziale, che indica, per ogni misurazione, anche il giorno e l’ora.

Durante l’attività sportiva, poiché l’activity tracker è anche in grado di inviare alert sulla frequenza massima raggiunta, così da eventualmente ridurre il ritmo della corsa o l’intensità dell’allenamento.

La sezione ‘Running’ è ben fatta ma può essere migliorata. È in grado di mostrare quanti passi sono stati compiuti, a quale velocità, qual è il ritmo sostenuto e la velocità massima raggiunta durante il percorso, ma almeno per adesso non permette di salvare i dati delle proprie sessioni di allenamento, poiché crasha in continuazione. Anche quì attendiamo aggiornamenti del software quindi.

Così come altri programmi per la corsa, se si collegano gli auricolari al jack audio del proprio smartphone, Mi Fit cercherà di incitare al movimento tramite una voce (in cinese). L’area ‘Help’ è stata creata appositamente per fornire suggerimenti atti a migliorare le proprie performance e la parte di sharing è molto interessante e ben fatta.

Partendo dalla vista delle statistiche giornaliere, è infatti possibile giungere al riassunto della giornata, accompagnato dal proprio avatar e da uno status di default molto divertente.

Il risultato può essere quindi condiviso sui principali social network, tra cui Twitter, Facebook e Snapchat, le cui icone sono allineate in basso. Similmente, si può passare alla sezione cliccando sull’icona del menù e poi su ‘Share’, mentre l’area ‘Friends’ è quella che permette la creazione di una bacheca tramite la lettura dei QR Code, un sistema soggetto anch’esso a continui crash, che in ogni caso necessita dell’installazione di WeChat che consente di competere o scambiarsi consigli ed esortazioni con i propri amici e conoscenti; una feature che per ora Xiaomi ha reso disponible solo per il marketplace cinese.

A differenza del wearable band intermedio, Xiaomi Mi Band 1S ha una batteria ai polimeri di litio lievemente più potente (45 mAh). Per conoscerne lo stato, basta entrare nelle impostazioni del menù e cliccare su ‘Mi Band’. Dopo 40 minuti di ricarica, da effettuare solo e soltanto tramite il cavetto con uscita USB offerto in dotazione per non danneggiare la batteria, Xiaomi Mi Band 1S può essere utilizzato per almeno 20 giorni consecutivi, che diventano all’incirca 15 se le richieste di rilevazioni all’HR Monitor aumentano.

Purtroppo, come accade per tutti i rilevatori di attività esistenti sul mercato, anche lo Xiaomi Mi Band 1S va in stand-by durante l’alimentazione, interrompendo dunque tutte le rilevazioni.

Con la stessa app, la casa madre consente anche di utilizzare la bilancia smart Mi Scale e le Li-Ning, scarpe da corsa 2.0 low-budget, presenti nel mercato USA dal 2011.

In generale per essere un fitness band low cost ci piace, anche se lo Xiaomi Mi Band 2 secondo noi forse è ancora troppo acerbo, forse anche troppo per essere immesso sul mercato. Si tratta di scelte commerciali, ma se avessero perfezionato un po’ il prodotto sicuramente avrebbe riscontrato un favore maggiore da parte degli utenti.

 

Scheda Tecnica

  • Marca: Xiaomi
  • Capacità della batteria: 45mAh ( la batteria da 8mm estremamente stretta)
  • Corrente di ingresso: 25mA
  • Tensione di ingresso: DC 5.0 v
  • Bluetooth: 4.0
  • Materiale di superficie di metallo: pieno in lega di magnesio
  • Materiale del cinturino da polso: Dow Corning TPSIV
  • Guscio del corpo: in policarbonato
  • Tasso impermeabile: IP67
  • Lunghezza del cinturino da polso regolabile: 157mm a 205mm
  • Formato dell’oggetto: 3.6 * 1,4 * 0,9 cm / 1.4 * 0.6 * 0,4 pollici
  • Peso dell’oggetto: 5g / 0.2 once
  • Formato del pacchetto: 9.6 * 9.6 * 3,1 cm / 3,7 * 3.7 * 1,2 pollici
  • Peso del pacchetto: 95g/3,35 once
  • Cardiofrequenzimetro

 

Vantaggi e Svantaggi

vantaggi

Vantaggi

  • Leggero
  • Economico
  • Rileva la Frequenza Cardiaca

svantaggi

Svantaggi

  • Non funziona sui sistemi Windows
  • Non molto preciso

 

Le Nostre Opinioni

Lo Xiaomi Mi Band 1S è un fitness band efficiente, che fa più o meno il suo dovere ad un prezzo piuttosto basso, per quanto pensiamo che la vista delle notifiche, il cardiofrequenzimetro e alcuni aspetti dell’app companion (che d’altronde è ancora in versione beta) debbano essere assolutamente migliorati.

Sarebbe utile inoltre se l’azienda offrisse la possibilità di ricaricare il device con un alimentatore a muro, molto più pratico, o se il caricatore base avesse un’uscita microUSB per ricaricare la batteria collegandolo allo smartphone anziché al computer quando si è in viaggio.

In ogni caso, il nuovo braccialetto intelligente di Xiaomi è ideale per tutti coloro che stavano aspettando un device per il mantenimento dallo stile essenziale e versatile,  ma soprattutto low cost.

Voti Finali

  • Design - 7.2/10
    7.2/10
  • Materiali - 6.9/10
    6.9/10
  • Rilevazione - 7.4/10
    7.4/10
  • Qualità / Prezzo - 8/10
    8/10

Voto Totale

7.4/10

 

Share Button

Visualizza le altre Recensioni della stessa categoria