Il Sony SmartBand Talk SWR30 è un braccialetto intelligente con funzionalità da orologio, activity tracking quotidiano e supporto alle notifiche da smartphone.

Il design elegante e l’estrema leggerezza sono alcune delle sue qualità migliori, insieme alla possibilità di rispondere alle telefonate direttamente da smartband.

Activity Tracker Sony SmartBand Talk SWR30

Il Nostro Voto

Dove Acquistarlo al Miglior Prezzo?

 

Video Sony SmartBand Talk SWR30

 

Recensione Completa Sony SmartBand Talk SWR30

Sony SmartBand Talk SWR30 FronteIl Sony SmartBand Talk SWR30, anche noto come SmartBand Talk o Sony SWR30, è il risultato dell’incontro tra due diverse linee di prodotti targati Sony, la serie SmartBand e la SmartWatch.

Questo braccialetto prende alcune delle particolarità dei popolari braccialetti intelligenti per l’activity tracking e li unisce al design e alle features che ci aspetteremmo da uno smartwatch vero e proprio.

Il Sony SmartBand Talk SWR30 è dotato di accelerometro integrato per il conteggio dei passi e il monitoraggio del sonno, ma soprattutto è perfettamente integrato con gli smartphone con sistema operativo Android.

Grazie alla connettività Bluetooth 3.0 e alle app gratuite SmartBand Talk e Lifelog, il Sony SWR30 SmartBand Talk è in grado di ricevere notifiche, tenere aggiornati sulle previsioni del tempo e controllare da remoto il telefono.

Da polso gestiremo il media player musicale e la fotocamera, navigheremo tra i settaggi base (ad esempio il wi-fi o la radio del cellulare) e impartiremo semplici comandi vocali.

Il Sony SmartBand Talk SWR30 incorpora infatti un microfono ed un altoparlante e può anche essere utilizzato per rispondere direttamente alle telefonate e registrare audio-messaggi.

Il device è resistente all’acqua (ma non completamente impermeabile), alimentato da una batteria ricaricabile e dotato di display con tecnologia E Ink, normalmente impiegata nei lettori eBook per garantire una miglior leggibilità dello schermo.

 

Design e Materiali

Sony SmartBand Talk SWR30 DesignSony è stata tra le prime corporation ad entrare nel mercato delle wearable technologies ed ha molto dalle esperienze fatte lungo il cammino.

In termini di design, il Sony SmartBand Talk SWR30 combina esplicitamente gli aspetti stilistici delle due linee di cui è la sintesi. La prima impressione è di trovarsi davanti ad un esemplare di SmartBand, con il suo classico cinturino in gomma con chiusura con bottone a pressione. Il modulo dei sensori, che come nel Fitbit era rimuovibile ed inseribile in cinturini alternativi di altri colori, lascia qui il posto ad una cassa rettangolare da orologio, larga 23.5 mm e spessa appena 9.5 mm.

Il Sony SWR30 SmartBand Talk è davvero molto leggero (24 grammi) e la forma arcuata del telaio garantisce un fit confortevole ad ogni tipo di polso. Nella confezione troveremo due diverse misure di cinturino, Small e Large, e due sono anche i colori in cui è disponibile questo braccialetto intelligente, bianco o nero.

Le forme sono morbide ed eleganti, all’insegna della sobrietà. L’unico elemento di “movimento” è dato dal cinturino in gomma (acquistabile anche a parte in vari colori), con una superficie testurizzata che sembra imitare la trama di certi tessuti.

Sony SmartBand Talk SWR30 CinturinoL’aspetto più inconsueto del Sony SmartBand Talk SWR30 è senz’altro il display. Si tratta di uno schermo monocromatico da 1.4” con risoluzione di 296 x 128 pixel e 192 dpi, realizzato con tecnologia E Ink (carta elettronica) estremamente nitido, facile da leggere e meno pesante anche per il consumo delle batterie.

Con l’app potremo scegliere se lasciare il display in modalità classica (nero su bianco) o invertita (bianco su nero) e regolare l’interfaccia per i mancini. L’accesso alle funzionalità e la navigazione dei menu avvengono tramite un singolo pulsante, mentre un tocco sullo schermo (con limitati funzionalità touch) consente la visualizzazione di informazioni aggiuntive sulla voce selezionata. Un secondo pulsante è invece deputato al controllo del volume.

Il Sony SmartBand Talk SWR30 è resistente ad acqua (fino ad 1,5 metri) e polvere con classificazione IP68. Potrà sopravvivere ad una doccia o a altre brevi esposizioni, ma non all’acqua ricca di disinfettante delle piscine o a quella salmastra del mare.

La batteria da 70 mAh è ricaricabile e allo scopo troveremo nella scatola un cavetto micro USB, insieme al cinturino extra e al manuale utente.

 

Caratteristiche e Funzionalità

Il Sony SmartBand Talk SWR30 svolge tutti i compiti di una normale smartband per l’activity tracking. L’accelerometro incorporato registra i movimenti per il calcolo dei passi, delle calorie e delle principali attività fisiche, corsa e camminata.

Su display vedremo, oltre all’ora, quanti passi abbiamo fatto, il tempo trascorso a camminare, correre ed anche quello dedicato al riposo. Il device è dotato di un certo numero di “app” (ma sarebbe più opportuno definirle widget) pre-installate, tra cui Attività, relativa appunto al movimento fisico, Media Player, per il controllo da remoto del player musicale dello smartphone, e Life Bookmark, un segnalibro per la registrazione di dati quali i posti visitati e le condizioni metereologiche.

Sony SmartBand Talk SWR30 SmartphoneAltri accessori sono scaricabili tramite app, una componente essenziale del Sony SWR30 SmartBand Talk. Per funzionare, il device ha bisogno di due applicazioni, compatibili solo con Android (dalla release 4.4 in su). La prima – SmartBand Talk – per i settaggi e le configurazioni del dispositivo, la seconda – Lifelog – per la contestualizzazione dei dati raccolti dal sensore e l’analisi dello stile di vita, che su piattaforma Sony è presentato come un autentico diario personale.

Dopo aver collegato il Sony SmartBand Talk SWR30 allo smartphone tramite Bluetooth o NFC, Lifelog diventerà la nostra base operativa, con tutte le attività raggruppate in una timeline animata non dissimile da quella dei social network.

All’interno dell’app, una serie di riquadri colorati indicherà i parametri chiave: passi, calorie, tempo dedicato alla corsa e agli spostamenti a piedi e monitoraggio del sonno.  Sony attribuisce un peso anche alle attività accessorie, dunque altri campi ci diranno quanto tempo abbiamo trascorso navigando in internet, sentendo musica, scattando foto, leggendo, vedendo video e giocando con il cellulare.

Una pressione sul quadrato corrispondente darà informazioni più dettagliate su ciascuna voce (ad esempio che tipo di sonno – profondo o leggero – ci caratterizza) e consentirà di impostare degli obiettivi personali, come quello di bruciare un certo numero di calorie in un arco di 24 ore, o di raggiungere una determinata quota di passi.

Sony SmartBand Talk SWR30 DettaglioNaturalmente la feature principale del Sony SWR30 SmartBand Talk è quella ben sintetizzata dal suo nome. L’integrazione con smartphone, normalmente considerata un accessorio rispetto al fitness tracking, è qui un elemento di punta. Il microfono ed altoparlante incorporato consentono, oltre alle normali smart notification, anche di rispondere alle chiamate direttamente da polso, lasciando il telefono in tasca.

In più, con il giusto set di widget, potremo fare registrazioni audio memorizzate su cellulare, controllare la fotocamera, accedere alla library musicale e al media player, conoscere lo stato della batteria dello smartphone e controllarne tramite switch on/off radio e connessione wi-fi.

Il Sony SWR30 è dotato anche di segnale acustico e vibrazione, utilizzabili come sveglia mattutina e reminder per le notifiche e gli obiettivi personali.

La batteria è purtroppo un punto dolente. Il manuale utente promette una durata massima di soli 3 giorni, che con un uso intenso scenderanno facilmente a 2. 

 

Funzioni di Activity Tracking

Il Sony SmartBand Talk SWR30 non garantisce lo stesso livello di profondità di rivali come Fitbit e Jawbone. La fusione tra smartwatch e smartband voluta da Sony ha senza dubbio sacrificato la seconda, che nell’activity tracking risente sia della scarsa dotazione hardware che dell’impostazione a diario di Lifelog.

L’assenza del GPS fa sì che l’accelerometro, da solo, abbia l’onere di registrare il più accuratamente possibile natura ed intensità dei movimenti di chi lo indossa, riuscendovi solo in parte.

Il contapassi è la funzionalità migliore ed è generalmente abbastanza preciso quando si parla di camminare a velocità non troppo elevate, ma il device perde colpi nelle attività più frenetiche, mostrando una certa difficoltà nell’identificare passaggi repentini da un passo lento alla corsa, come ad esempio in una normale partita di calcetto.

Sony SmartBand Talk SWR30 ProfiloIn più di un caso abbiamo anche assistito ad uno strano fenomeno di “tempo perduto”, vale a dire di minuti di attività semplicemente sfuggiti al monitoraggio e quindi non ricompresi né alla voce corsa né a quella camminata.

All’interno di Lifelog le informazioni sono raccolte in modo chiaro e non correremo mail il rischio di rimanere disorientati dall’interfaccia, ma il livello di approfondimento di questa piattaforma è minimo e si sente. Specie in rapporto ai software per il fitness di altri marchi, con sofisticate metriche e trend per sapere non solo quale sia la nostra forma fisica, ma cosa possiamo fare per migliorarla.

In Lifelog potremo impostare degli obiettivi personali e il Sony SmartBand Talk SWR30 ci aiuterà a raggiungerli visualizzando il loro livello di completamento, ma avremmo preferito maggior spazio per il fitness in senso stretto, piuttosto che un dettagliato diario sul tempo trascorso a navigare nel web.

Monitoraggio del Sonno

Il Sony SmartBand Talk SWR30 monitora il sonno mediante l’accelerometro integrato. Le prestazioni più accurate si ottengono settando manualmente il dispositivo in modalità rilevamento sonno, una procedura che assicura la registrazione delle ore complessive trascorse al letto e il riconoscimento del tipo di riposo, leggero o profondo.

Il sensore si accorgerà anche dei movimenti notturni e li userà per identificare le eventuali fasi di veglia, per determinare la qualità complessiva del sonno.

La scelta della modalità di tracking è particolarmente importante, per scongiurare il rischio che la smartband cataloghi come trascorse al letto anche le ore passate relativamente immobili sul divano, la sera, a guardare la televisione.

Strettamente collegata al monitoraggio del sonno è la funzione di sveglia. Il Sony SWR30 è provvisto di vibrazione ed allarme acustico e configurato per utilizzarli da soli o in contemporanea.

Notifiche

L’integrazione con smartphone è l’asso nella manica del Sony SmartBand Talk SWR30, che come aspirante smartwatch eccelle proprio in questo comparto.

La connettività via Bluetooth e l’app dedicata consentono il download di widget per un esteso set di controlli da remoto del cellulare e la personalizzazione delle notifiche.

La ricezione di chiamate prevede, come già descritto, l’opzione di rispondere attraverso il microfono della smartband, mentre le notifiche testuali si avvalgono del display ad effetto carta elettronica, molto leggibile anche se privo di retroilluminazione. Sullo schermo compariranno le icone corrispondenti a ciascun tipo, sia esso messaggio, mail o notifica push da app (Twitter, Facebook etc.) e con un tocco ne vedremo l’anteprima.

Se decideremo di ignorarle, le notifiche scompariranno discretamente dal display e dovremo affidarci allo smartphone. A differenza di altri device simili, infatti, il braccialetto Sony non mantiene un backlog degli aggiornamenti in attesa di consultazione.

 

Scheda Tecnica

  • Dimensioni
    Larghezza: 23,5 mm
    Spessore: 9,5 mm
    Peso: 24 g
  • Display
    Display E ink in bianco e nero da 1,4″
    296×128, 192 dpi
  • Contenuto del kit
    SmartBand Talk SWR30
    2 cinturini (Small/Large)
    Compatibilità
    SmartBand Talk SWR30 e l’app Lifelog di Android sono ideali per i dispositivi che eseguono Android 4.4 o una versione successiva
    Colori: Nero, Bianco
  • Impermeabile: Profondità 1,5 m. Classificazione IP68
  • Controlli
    Input vocale, touch e gesto
    Microfono
    Tasto di accensione/spegnimento
  • Accessori facoltativi
    Cinturino da polso in vari colori (venduto separatamente)
  • Requisiti
    Android 4.4 KitKat
    App SmartBand Talk
    App Lifelog
  • Sensori
    Accelerometro
  • Connettori
    Bluetooth® 3.0
    Micro USB
  • Batteria
    70 mAh (fino a 3 giorni di utilizzo)

 

Vantaggi e Svantaggi

vantaggi

Vantaggi

  • Display E Ink
  • Leggero ed elegante
  • Controllo remoto da smartphone
  • Microfono e altoparlante incorporati

svantaggi

Svantaggi

  • Scarsa autonomia della batteria
  • Activity tracking limitato
  • Accelerometro non sempre preciso
  • Supporta solo Android

 

Le Nostre Opinioni

Il Sony SmartBand Talk SWR30 non ha le carte in regola per competere con fitness tracker dedicati ma è un buon compromesso tra features da smartwatch e caratteristiche da braccialetto per l’activity tracking quotidiano.

L’accelerometro non sempre attendibile, la mancanza di un GPS e il software Lifelog non mirato ad un target sportivo professionale sono tra le sue pecche, insieme alla durata media della batteria, sufficiente per un massimo di 2 o 3 giornate piene di uso continuo.

Sul versante positivo siamo davanti ad un device con la conosciuta cura di Sony per il design, dotato di proprietà inconsuete, come il display E Ink, l’originale modalità timeline dell’app Sony e il controllo da remoto del telefono e delle chiamate.

In definitiva, una smartband per il popolo delle metropoli, attratto più dalla particolare visione da lifestyle a tutto tondo di Sony che dalle performance di un tradizionale activity tracker.

Voti Finali

  • Design - 8.4/10
    8.4/10
  • Materiali - 8.1/10
    8.1/10
  • Rilevazione - 8.3/10
    8.3/10
  • Qualità / Prezzo - 8.2/10
    8.2/10

Voto Totale

8.3/10

 

Share Button

Visualizza le altre Recensioni della stessa categoria