Nuova sfida per Garmin. Dopo aver rinnovato quest’anno il suo parco di smartwatch e smartband per il fitness fa il suo debutto il Vivomove, raffinato orologio analogico con funzioni di activity tracking.

Impreziosito da eleganti finiture, il Garmin Vivomove riunisce nel suo design tradizione e tecnologie smart ed è progettato per adattarsi a qualsiasi tipo di contesto, anche il più formale.

Activity Tracker Garmin Vivomove

Il Nostro Voto

Dove Acquistarlo al Miglior Prezzo?

 

Video Garmin Vivomove

 

Recensione Completa Garmin Vivomove

Garmin Vivomove Classic Bianco Oro RosatoIn occasione del lancio del discusso Vivofit 3, sviluppato in collaborazione con l’istrionico designer Jonathan Adler, erano stati annunciati importanti sviluppi in fatto di stile per il prossimo futuro ed ora eccone finalmente tra noi il risultato: il Garmin Vivomove, il device giusto al momento giusto per andare all’attacco della concorrenza in un comparto del mercato finora dominato da Withings (con la linea Activité) e Fossil, quello degli orologi sportivi di classe.

Disponibile in più versioni e con una nutrita serie di cinturini intercambiabili (acquistabili a parte), il Garmin Vivomove abbina all’aspetto piacevolmente classico di un orologio a lancette la giusta dose di quella smart technology a cui l’azienda ci ha ormai abituato.

Per ovvie ragioni non supporta le notifiche, in assenza di un display touchscreen, ma incorpora comunque  molte delle principali funzionalità che ci aspetterebbe da un fitness tracker: misurazione delle calorie, contapassi, distanza percorsa, coatch motivazionale e monitoraggio del sonno.

Il tutto racchiuso in un telaio di ottima fattura, pensato per accompagnarci nella vita quotidiana, in ufficio come ad una serata elegante.

Design e Materiali

Agli antipodi dei fitness tracker normalmente offerti dalla casa madre, piuttosto rigorosi in fatto di design, il Garmin Vivomove eccelle proprio sotto questo aspetto, offrendo ben sei differenti modelli, diversificati tra loro per colori e materiali di costruzione di cassa e cinturino.

L’entry level è il modello Sport, disponibile in bianco o nero, con ghiera silver, cassa in resina e cinturino sportivo in gomma o silicone.

Segue il Classic, in nero o rose gold, il primo con ghiera, cassa in resina e cinturino in pelle (tutto in nero), il secondo con ghiera in oro rosato, cassa in resina e cinturino in pelle bianchi, più orientato ad un target femminile.

Completa il trittico il modello top di gamma, il Premium, anch’esso realizzato in due versioni: una dorata, con ghiera e cassa in acciaio inossidabile e la seconda in acciaio, con ghiera e cassa in acciaio, entrambi con cinturino in pelle.

Se poi consideriamo che i cinturini sono disponibili a parte, sempre in sei versioni, le possibilità di personalizzare il Garmin Vivomove e adattarlo ai gusti individuali sono veramente molte.

La cassa è resistente all’acqua fino a 5ATM ma gli accessori in pelle non lo sono, dunque occhio a non esporre troppo il cinturino all’acqua salata del mare o a quella talvolta troppo ricca di disinfettanti delle piscine.

Il display analogico è quello di un normale orologio a lancette, ma il Garmin Vivomove si distingue per l’integrazione nel quadrante di due indicatori LCD, uno dedicato alla percentuale di completamento degli obiettivi giornalieri e l’altro alla banda motivazionale, altra feature tipica di tutti i fitness tracker Garmin.

In assenza di touchscreen, l’unico sistema di input è la classicissima corona posta alla destra della cassa, priva di funzioni smart avanzate ma in grado con una semplice pressione di sincronizzare i dati con lo smartphone.

Caratteristiche e Funzionalità

Garmin Vivomove Premium Acciaio DoratoIl Garmin Vivomove è il frutto di una netta inversione di tendenza rispetto agli altri fitness tracker dell’azienda. Più che in altri casi, il compito di questo device è quello di essere, innanzitutto, un orologio da polso con un forte impatto in termini di stile. Una priorità in nome della quale le funzionalità di tracking in senso stretto hanno dovuto passare in secondo piano, complice l’impossibilità di gestire un elevato flusso dati senza un display digitale con funzionalità touch.

Da segnalare anche l’assenza di un sensore per il rilevamento cardio o del GPS, a cui è chiamato a sopperire l’accelerometro integrato, la principale fonte per le informazioni prodotte dal Garmin Vivomove quando utilizzato come fitness band, vale a dire distanza percorsa, calorie e passi. 

Il Vivomove integra anche una funzione di monitoraggio del sonno e un sistema di coatching motivazionale mutuato da quello testato con successo da Garmin sui suoi dispositivi digitali, consistente in una semplice barra LCD incorporata nel quadrante, che riempendosi al passare dei minuti di immobilità, ci segnalerà ad intervalli regolari il momento giusto per fare movimento.

Insieme al secondo indicatore LCD, relative all’obiettivo giornaliero da raggiungere, questo è il massimo delle informazioni che potremo ottenere dal suo display. Per andare più in profondità, sarà necessario affidarsi all’app gratuita Garmin Connect, disponibile sia per iOS che Android; una volta installata su smartphone darà accesso – tramite sincronizzazione in bluetooth con Vivomove – ad un “ambiente operativo” sicuramente più ricco.

Qui i dati saranno facili da interpretare grazie a grafici e tabelle, snapshot dei passi, delle ore di sonno e delle distanze percorse, relativi sia alle 24 ore che a base settimanale o mensile, per identificare eventuali trend.

Quanto all’autonomia, il Garmin Vivomove monta una normale batteria piatta da orologio di tipo CR2025, sufficiente per un anno di normale utilizzo.

Funzionalità di Activity Tracker

Garmin Vivomove Sport BiancoLe funzionalità di activity tracking del Garmin Vivomove sono ridotte all’osso, cosa che sorprende ben poco visto il concept al cuore di questo device improntato all’eleganza, più che alla performance.

L’accelerometro integrato si è mostrato in linea con quanto offerto da prodotti come quelli di Fitbit o Jawbone, e oltre alle consuete statistiche di cui abbiamo già parlato, relative alla conta dei passi e delle distanze, si distingue per la possibilità di fornire dati anche sulle distanze coperte negli allenamenti indoor, un campo in cui sì è rivelato piuttosto affidabile e costante.

Caratteristica particolare, legata alla scuola di pensiero di Garmin, è la soglia variabile degli obiettivi, che si evolverà dinamicamente in accordo al nostro livello di attività. Un primo assaggio di coaching motivazionale, ulteriormente confermato dalla Move Bar rossa incastonata nel display, grazie alla quale avremo un’idea chiara ed immediata di quanto manchi al momento in cui dovremo darci da fare per svuotarla con qualche minuto di sana attività fisica.

L’obiettivo giornaliero è tra le variabili personalizzabili in manuale sull’app Garmin Connect, lo stesso contenitore in cui potremo accedere anche – attivando un account MyFitnessPal – ad un monitoraggio più dettagliato del consumo di calorie, espresso da un punteggio che andrà a sommare quelle bruciate nel corso dell’attività fisica a quelle smaltite nel sonno.

Probabilmente non sarà il più valido dei parametri per i puristi delle statistiche da fitness, ma Garmin lo ha inserito comunque, insieme a molte altre funzionalità della sua app che gli utenti alle prime armi troveranno probabilmente fin troppo disorientante e ricca di opzioni, ad un primo impatto.

Monitoraggio del Sonno

Garmin Vivomove Premium AcciaioAnche il monitoraggio del sonno avviene attraverso app. Il Garmin Vivomove raccoglie i dati tramite accelerometro e li trasmette in bluetooth allo smartphone per estrapolarne un’analisi abbastanza dettagliata delle ore trascorse a letto, suddivise in sonno leggero, profondo e veglia.

Il Garmin Vivomove tiene traccia anche dei movimenti notturni, proiettandoli su un apposito grafico per individuare le fasce orarie di maggiore attività notturna. Tutti dati molto utili, ma comunque fin troppo sintetici rispetto alla funzione di monitoraggio offerta da altri device e spesso afflitti da qualche imprecisione di troppo, perdendo per strada anche una trentina di minuti per errori di rilevamento.

Un bilancio? Sufficiente ma ampiamente migliorabile, un punto debole comune a molti device Garmin, anche a quelli ben più orientati alla performance, come il Vivoactive HR.

Notifiche

Quello che contraddistingue maggiormente i dispositivi smart per il fitness è il potersi integrare fluidamente con gli smartphone in commercio e supportare una serie in costante crescita di notifiche push: sms, tweet, aggiornamenti di stato di Facebook, e-mail etc.

Purtroppo la natura stessa del Garmin Vivomove, pensato e costruito come orologio analogico, ha reso impossibile questa preziosa integrazione. L’assenza di un touchscreen si farà sicuramente sentire per gli utenti già abituati ad indossare altri smartwatch e smartband. Né aiuta il fatto che la corona, l’unico pulsante presente, consenta solo la regolazione di ore e minuti e la sincronizzazione base dei dati con smartphone.

 

 

Scheda Tecnica

  • Aspetto e prestazioni
    Dimensioni fisiche: 20 mm di larghezza x 12 mm di spessore x 42 mm di diametro
    Peso Sport: 51,0 g; Classic: 48,0 g; Premium: 67,0 g
    Batteria a bottone CR2025 sostituibile
    Durata della batteria: Fino ad 1 anno
  • Classificazione di impermeabilità 5 ATM
  • Funzioni di corsa
    Accelerometro (calcola la distanza degli allenamenti al chiuso senza la necessità di utilizzare un foot pod)
    Funzioni di rilevamento delle attività
    Contapassi
    Obiettivo automatico (memorizza il livello di attività e assegna un obiettivo di passi giornaliero)
    Barra di movimento (compare sul dispositivo dopo un periodo di inattività; camminare per un paio di minuti per reimpostarla)
    Monitoraggio del sonno (monitora il sonno totale e i periodi di movimento e di sonno ristoratore)
  • Garmin Connect®
    Compatibile con Garmin Connect™ (comunità online in cui è possibile analizzare, classificare e condividere i dati)
  • Caratteristiche aggiuntive
    Nota: l’impermeabilità 5 ATM (50 m) non si riferisce ai cinturini in pelle. Evita l’esposizione prolungata all’acqua dei cinturini di pelle.

 

Vantaggi e Svantaggi

vantaggi

Vantaggi

  • Design curato ed elegante
  • Ottima integrazione della Barra di Movimento
  • Buona autonomia

svantaggi

Svantaggi

  • Supporto Notifiche assente
  • Tracking limitato

 

Le Nostre Opinioni

Il Garmin Vivomove è il primo tentativo di questa azienda leader nel campo degli orologi analogici per lo sport, e può dirsi perfettamente riuscito.

L’abbondanza di varianti e la fattura professionale e ispirata sono dei sicuri punti a favore per questo device votato al design e sicuramente apprezziamo il coraggio mostrato da Garmin nell’intraprendere nuove strade.

È un prodotto perfetto? Ovviamente no, in particolare per la sua scarsa connettività, mancanza di una suite di sensori più articolata rispetto al semplice accelerometro ed estrema semplicità dei dati raccolti, ma quasi tutti questi limiti sono da attribuire al suo design classico, focalizzato su tutt’altre priorità.

Il bilancio complessivo, in questo caso, è fatto di estremi, bianco o nero. Se quello che vi serve è un orologio di pregio da portare al polso con soddisfazione e con cui tenere d’occhio al contempo i parametri base della vostra attività fisica, allora il Garmin Vivomove è esattamente quello che state cercando.

Se all’estetica preferite le più sofisticate funzioni di tracking delle smartband professionali, difficilmente troverete soddisfazione nel Vivomove.

Per gli amanti delle sfumature di grigio, invece, rimane sempre una validissima opzione intermedia: prendere entrambi per avere il device adatto ad ogni occasione, dalle avventure outdoor agli allenamenti indoor stretti tra una giornata di ufficio e una cena di gala.

 

Voti Finali

  • Design - 8.8/10
    8.8/10
  • Materiali - 8.1/10
    8.1/10
  • Rilevazione - 7.7/10
    7.7/10
  • Qualità / Prezzo - 7.8/10
    7.8/10

Voto Totale

8.1/10

 

Share Button

Visualizza le altre Recensioni della stessa categoria